giovedì 6 novembre 2014

NUOVO STUDIO QUANTISTICO SOSTIENE L'ESISTENZA DEGLI UNIVERSI PARALLELI

Immaginate un mondo dove i dinosauri non si fossero estinti, un mondo dove la Germania avesse vinto la seconda guerra mondiale, praticamente nati in un paese completamente diverso. Questi mondi potrebbero esistere oggi in universi paralleli, che interagiscono costantemente tra loro, Può sembrare fantascienza, ma la nuova teoria potrebbe risolvere alcune delle irregolarità nella meccanica quantistica che hanno sconcertato gli scienziati per secoli. 

















Un gruppo di ricercatori statunitensi e australiani, Griffiths University e la University of 
California suggerisce che, piuttosto che evolvere in modo indipendente, i mondi vicini si influenzano reciprocamente da una sottile forza di repulsione.

Essi sostengono che questa interazione potrebbe spiegare tutto ciò che è bizzarro, per esempio come le particelle operano su scala microscopica. La meccanica quantistica è notoriamente difficile da scandagliare, esibisce strani fenomeni che sembrano violare le leggi di causa ed effetto «L'idea di universi paralleli in meccanica quantistica si è teorizzata intorno dal 1957,» ha detto Howard Wiseman, un professore di fisica all'Università del Griffith. " Nel ben noto "Many-Interacting-Worlds", ogni universo si ramifica in nuovi universi ogni volta che viene effettuata una misurazione quantistica. «Tutte le ipotesi sono quindi possibili: "In alcuni universi il dinosauro è estinto da un asteroide. In altri, l'Australia è stata colonizzato dai portoghesi".
Il modello olografico suggerisce che la gravità nell'universo proviene da sottili stringhe di vibrazione.


IL NOSTRO UNIVERSO È UN OLOGRAMMA? L'UNIVERSO POTREBBE ESSERE UNA MERA PROIEZIONE

L'universo è un ologramma e tutto ciò che vediamo, tra cui questo articolo e il dispositivo su cui lo stiamo leggendo è una mera proiezione. Questo è secondo un controverso modello proposto nel 1997 dal fisico teorico Juan Maldacena. Fino ad ora non era mai stata testata questa bizzarra teoria, ma recenti modelli matematici suggeriscono che il contorto principio potrebbe essere vero. Secondo la teoria, la gravità nell'universo proviene da sottili stringhe di vibrazione. Queste stringhe sono ologrammi di eventi che si svolgono in un cosmo più semplice, più piatto. Il modello del professore Maldacena  suggerisce che l'universo esiste in nove dimensioni di spazio e di tempo. Nel dicembre del 2013, ricercatori giapponesi hanno tentato di affrontare questo problema fornendo le prove matematiche che il principio olografico potrebbe essere corretto. 

Il principio olografico suggerisce che c'è una superficie bidimensionale che contiene tutte le informazioni necessarie per descrivere un oggetto tridimensionale, per esempio come il chip di sicurezza su una carta di credito, ma in questo caso è il nostro universo. 

In sostanza, il principio afferma che i dati che contengono una descrizione di un volume e di spazio - come un essere umano o una cometa - potrebbero essere nascosti in una parte di questo "chip dell'universo.
In un buco nero, per esempio, tutti gli oggetti che cadono in esso, sarebbero interamente contenuti in superfici fluttuanti. Questo significa che non ci sarebbero oggetti fisici esistenti, bensì frammenti di dati archiviati come 'memoria'.

"Ma gli scettici mettono in discussione la realtà di altri universi, poiché essi non influenzano affatto il nostro universo. Su questo punto, la nostra convinzione "Many-Interacting -Worlds" è completamente diversa, come suggerisce il nome". 

La teoria dei mondi paralleli fu proposta da Hugh Everett, che disse che la capacità delle particelle quantistiche di occupare due stati nello stesso momento, potrebbe essere spiegata se entrambi gli stati fossero co-esistenti in universi differenti. Come Everett, il Professor Wiseman e i suoi colleghi teorizzano che l'universo che sperimentiamo è solo uno di un gigantesco numero di mondi. 

Essi credono che alcuni siano quasi identici ai nostri, mentre la maggior parte siano molto differenti. Tutti questi mondi sono altrettanto reali, esistenti continuamente attraverso il tempo, e che possiedono precise proprietà ben definite. Essi suggeriscono che fenomeni quantistici nascono da una forza universale di repulsione tra due mondi 'vicini' che tendono a renderli più dissimili. 

Dr Michael Hall dal centro di Griffith per Quantum Dynamics ha aggiunto che la teoria di 'Interazione di mondi paralleli' possa anche creare la straordinaria possibilità di provare l'esistenza di altri mondi. "La bellezza del nostro approccio è che se c'è un solo mondo, la nostra teoria riproduce la meccanica newtoniana, mentre se c'è un gigantesco numero di mondi si riproduce alla meccanica quantistica», dice."Tutto questo predice qualcosa di nuovo che non è la teoria di Newton né la teoria quantistica.

"Crediamo che, nel fornire una nuova immagine mentale di effetti quantistici, sarà utile per la pianificazione di esperimenti per testare e sfruttare i fenomeni quantistici. Per noi almeno non c'è nulla di intrinsecamente inverosimile nell'idea,- ha aggiunto il Professor Wiseman - Per gli appassionati di fantascienza, storie che coinvolgono la comunicazione tra mondi paralleli, non sono così inverosimile dopo tutto"

fonte - See more at: http://noiegliextraterrestri.blogspot.it/2014/11/studio-quantistico-dimostra-lesistenza-degli-universi-paralleli.html#sthash.BNYTfh6i.dpuf

2 commenti:

  1. Chissà se tra tutti gli universi possibili esista un universo eterno cioè le cui stelle morenti vengono sempre sostituite da altre appena nate con i relativi pianeti in un ciclo infinito di morte e rinascita.
    Esiste una pur minima possibilità di questo evento?
    E poi quanti sarebbero gli universi viventi cioè simili al nostro?
    Ciao a tutti

    RispondiElimina
  2. Molto probabilmente l'universo eterno esiste ed è proprio quello in cui nulla muore veramente ma è destinato a una nuova rinascita.Esiste ed è immerso totalmente nella luce di Colui da cui tutto ha avuto origine.Sono molti e sono quegli infiniti universi di cui scriveva il grande frate domenicano Giordano Bruno.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...