giovedì 23 gennaio 2014

Approfondendo riguardo Issa presunto Cristo.



Stiamo scavando a fondo anche dopo aver letto alcuni commenti interessantissimi riguardo a presunti falsi riguardo la vicenda del "santo" Issa, Gesù Cristo andato in pellegrinaggio in India, Tibet e Persia.

Partiamo da alcuni fattori importanti:

1) Cristo era perfettamente erudito riguardo il buddhismo, induismo e Veda. Lo dimostra anche il vangelo quando parla con conoscitori delle materie e li "svergogna" davanti a tutti senza troppi problemi dibattendo sulla loro dottrina e quella ebraica.

2) La presenza di Issa o Isha, in India ma soprattutto in Tibet è documentata nel monasteri e la figura è tutt'oggi venerata dai monaci. Questo ben al di là dei manoscritti di Notovitc veri o falsi.

3) Moltissime informazioni che oggi abbiamo su Cristo sono false o mai accadute. Perfino quelle scritte nel Vangeli sinottici non sempre vengono riconosciute storicamente. Infatti sono prive di fondamento storico.

Il fondamento storico si ha quando ci sono prove scritte su più testi da più testimoni correlati anche da ritrovamenti archeologici che possano supportarli.
Pensate che riguardo Cristo chi decide è la Chiesa Cattolica. Pensate che nel passato chi ha deciso è sempre stata la Chiesa Cattolica fino a che non erano i RE insieme alla Chiesa per interessi politici a farlo. Mutando i testi, cambiando quella che oggi chiamiamo la "Parola ispirata di Dio". Purtroppo quello che leggiamo oggi non è quello che era stato scritto in passato. Passaggio per passaggio le parole sono state cancellate, cambiate, tradotte male, interpretate. Oggi abbiamo le prove che questo sia vero. Abbiamo il fondamento storico per quanto riguarda la manomissione della Bibbia nei secoli.

Non ce l'abbiamo sulle vicende di Cristo.



Forse anche peggio... Non abbiamo un vero fondamento storico dell'esistenza di Gesù Cristo. Ovvero... Siamo certi che ci sia stato per i numerosi testi contenuti nella bibbia, nel Corano, in Tibet appunto (sempre che si parlasse di lui), ma provate ad andare su questo link di Wikipedia

http://it.wikipedia.org/wiki/Storicit%C3%A0_di_Ges%C3%B9 (copiate ed incollate)

Scoprirete che tutte le presunte prove non sono direttamente riconducibili a Cristo bensì a fattori come: Nazareth esisteva! Pilato è esistito! Per forza c'era anche Gesù. Veri e propri ritrovamenti al di fuori della tradizione e scrittura cristiana sono rari se non introvabili. Parliamo di ritrovamenti DIRETTI riguardo Cristo.

Come sempre... Chi ha deciso cosa era giusto e cosa sbagliato, ciò che fosse vero e falso? LA CHIESA CATTOLICA nei secoli.

Dobbiamo quindi fidarci di frasi come questa riguardo ad Issa in India?

La ricerca storica moderna esclude che Gesù abbia compiuto viaggi in India e considera tali ipotesi prive di base storica.
In particolare, Marcus Borg afferma che le asserzioni di un Gesù adulto che abbia viaggiato in Egitto o India e sia venuto in contatto col Buddhismo sono "senza fondamento storico" e Robert Van Voorst ribadisce che la ricerca moderna è "quasi unanimamente d'accordo" nel sostenere che i viaggi di Gesù in Tibet, Kashmir o India non contengono "nulla di valore". Anche John Dominic Crossan rileva come nessuna delle teorie presentate sui viaggi di Gesù per colmare il divario tra i suoi primi anni di vita e l'inizio del suo ministero sia supportati da studi moderni. Elaine Pagels comunque ricorda come alcune tradizioni associno l'apostolo Tommaso a un viaggio in India e in passato ha espresso l'opinione che, in linea teorica, "è possibile che Gesù sia andato in India; noi semplicemente non possiamo saperlo." Leslie Houlden rileva però che sebbene siano stati evidenziati paralleli tra gli insegnamenti di Gesù e di Buddha, tali paragoni sono emersi solo dopo i contatti missionari del XIX secolo e non esiste nessuna prova storicamente attendibile di contatti tra buddhismo e Gesù. Anche Paula Fredriksen afferma che nessuna opera di studio seria pone Gesù fuori del contesto del Giudaismo palestinese del I secolo.
Insomma... Si parla della stessa cosa: NON ESISTONO PROVE ATTENDIBILI STORICHE.
Nemmeno per tutto quello che è scritto nei Vangeli.

Ci dobbiamo fidare dei vangeli e di chi ha deciso che siano validi testi. Calcolando che le prove "storiche" più forti su Cristo sono tutte contenute nei testi dei vangeli apocrifi, considerati dalla Chiesa Cattolica e Protestante, NON ATTENDIBILI sulla vita di Cristo.
Uno che dice qualcosina e che non fosse cristiano, ma greco, era Giuseppe Flavio, utilizzato tantissimo dai cristiani come storico esterno alla storia che ne dimostri la veridicità. Si tratta di uno storico esistito 200 anni dopo la morte di Cristo che non è MAI stato testimone diretto delle vicende e ne parla in 3 frasi. Potrebbe essere tutto vero ma, l'unica cosa certa, è che lui o le ha lette o le ha sentite dire da altri... 200 anni dopo. 

Dunque il viaggio di Issa/Isha continua, vi terremo informati a riguardo ;)




4 commenti:

  1. Caro Francesco, sempre interessante scavare e ragionare!
    Tu citi giustamente Giuseppe Flavio, ma non è il solo! Ti avevo già citato, nell'altro post, Tacito che indirettamente documenta l'esistenza del Cristo parlando delle persecuzioni di Nerone ai cristiani: "Nerone si inventò dei colpevoli e sottomise a pene raffinatissime coloro che la plebaglia, detestandoli a causa delle loro nefandezze, denominava cristiani. Origine di questo nome era Christus, il quale sotto l'impero di Tiberio era stato condannato all'estrema condanna dal procuratore Ponzio Pilato" (Tacito, Annali XV, 44).
    So che tu non dubiti affatto della sua esistenza, ma qui abbiamo riferimenti storici precisi: il Procuratore Ponzio Pilato che governava durante l'Impero di Tiberio a Roma mentre in Israele c'era Re Erode (ovviamente sotto il dominio romano) Tacito riferisce che i cristiani traevano questo nome da Christus (scritto alla latina) fatto condannare a morte da Pilato. Ora io mi domando: perché i cristiani, letteralmente seguaci di Cristo) si sarebbero fatti mettere a morte e perseguitare per decenni se questi non fosse esistito e avesse cambiato il corso della storia? Tutti masochisti?
    Personalmente mi intriga molto la possibilità che Gesù abbia viaggiato in altri Paesi durante la sua gioventù. In Israele, ai tempi di Gesù, un uomo entrava fattivamente nella società del suo tempo solo al compimento dei 30 anni. Di Gesù non ci sono racconti del tempo intercorso tra la nascita, il suo stare nel Tempio con i sacerdoti a 12 anni, e la sua comparsa pubblica a 30 anni. Tre anni di predicazione e poi..la morte. Nulla impedisce di credere che dai 12 ai 30 anni si sia preparato al difficile compito che lo aspettava, che abbia conosciuto altri popoli, altri credi, che abbia lasciato qualcosa di sé e del suo messaggio in altri luoghi e altri popoli che non avrebbero potuto ascoltarlo in patria e visto la sua morte in croce,...
    Riguardo Notovich e al ritrovamento di quegli scritti (da lui stesso riconosciuti come falsi!!) occorre approfondire ancora perché c'è molta differenza tra scritti autentici ancora gelosamente conservati in monasteri buddisti o induisti e manipolazioni degli stessi creati per raggiungere la fama ai suoi giorni. Notovich ammette la truffa e mi fa ricordare quella mascella di scimmia con i denti limati per far credere al ritrovamento del primo uomo primitivo!! Molte prove sono state...aggiustate...nel secolo scorso da presunti scienziati per il raggiungimento di una fama immeritata....

    RispondiElimina
  2. Il mio Post non verteva a mettere in dubbio l'esistenza di Cristo bensì a screditare gli imbecilli che dicono che Isha/Issa non sia mai esistito. Imbellono in quanto i ritrovamenti più che storici ed archeologici ci sono e non hanno a che fare con il falsi di notovitc. Quindi ri partiamo per ordine:

    1) Nessuno mette in dubbio che Cristo sia esistito ma sta di FATTO che la veridicità della sua esistenza è comprovata ESCLUSIVAMENTE dai Vangeli e da storici che sono vissuti a partire dal 2° secolo dopo la sua morte. Ergo scrivono di Cristo per SENTITO DIRE o LETTO.

    2) Isha/Issa è un "Santo" venerato tutt'oggi e ha le stesse caratteristiche di Cristo, con o senza gli scritto di Notovitc

    3) Moltissimi Apocrifi (Vangeli non considerati sinottici ovvero veritieri e fedeli sulla vita di Cristo dalla CHIESA CATTOLICO ROMANA) parlano di Cristo in India. Di Cristo che ha ricevuto moltissimi insegnamenti da santoni buddhisti e si pensa infatti (questo sì lo dicono gli storici di oggi) che abbia creato, con il cristianesimo, un sincretismo fra Ebraismo e Buddhismo/Induismo. Effettivamente, a livello filosofico, basta studiare queste ultime onde di pensiero e le similitudini diventano molteplici.

    Per concludere: NON ESISTE UNO STORICO CHE ABBIA MAI VISTO E DOCUMENTATO LA VITA DI GESU' MENTRE QUEST'ULTIMO FOSSE IN VITA.

    Questo Blog si attiene alle Verità il più oggettive possibile e bisogna ammettere che qui, questi sono gli elementi che abbiamo in mano.

    "Tacito ha preso le sue fonti da documenti e fonti letterarie" (Wikipedia)

    Uguale ha fatto Svetonio nel 120 dC.

    Potete leggere di più qui: http://camcris.altervista.org/provestoriche.html

    RispondiElimina
  3. Caro francesco vi e pure un film con kim rossi stuart nel ruolo di cristo in viaggio in india che poi ritorna in palestina ma prima di divenire l'unto si unisce agli esseni dove apprende i doni della guarigione solo che non ricordo il titolo e bellissimo da vedere
    Ciao a tutti!

    RispondiElimina
  4. ciao a tutti, Cristo, lo si accetta per fede, se ci fossero le prove concrete, scritte o reliquie, che fede sarebbe? Le vere prove si trovano lerggendo e studiando la Bibbia, nelle profezie dell'Antico e del Nuovo testamento, studiandole, si capisce anzi, salta agli occhi e la mente s'illumina per tanta veridicità del testo, e non c'è alcun bisogno di altre prove sulla veridicità sia dei testi della Bibbia, sia sull'esistenza di Cristo. Egli stesso disse: "Mi amerete in spirito e in verità" Legendo la Bibbia, ci si rende perfettamente conto che Gesù era contrario in modo più assoluto a qualsiasi altro tipo di credenze (che tra l'altro chiamava pagane), che non fosse quella della Bibbia e del Vangelo. Anzi, ha detto che questo vangelo sarebbe stato predicato in tutte le nazioni, tribu e gente, e poi sarebbe venuta la fine. Quindi, Egli si riferiva al vangelo e non ad altre credenze. Poi si sà che c'è un aprità in giro, un rifiuto della Bibbia, sembra che alcuni siano pagati per smontare la Bibba e cristo. ma si sà, anche questo è contenuto nella bibba, ed è stato previsto. Il vero cristianesimo, fin dai suoi esordi è stato negato, bandito, criticato, e per fino milioni di persone sono state uccise, massacrate, messe suoi roghi.. ora ci vogliamo meravigliare che succede ancora? No..sarà cosi fino al ritorno di Cristo, anzi, la polemica si accenderà sempre più forte. grazie.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...