mercoledì 6 febbraio 2013

Il Comandamento CANCELLATO dalla Chiesa Cattolica



Carissimi,
questo Post non vuole essere una critica al cattolico ne tantomeno alla fede dello stesso...

Ci occupiamo di Verità, soprattutto della sua ricerca, non possiamo quindi esimerci dalla responsabilità di condividere con voi quello che sappiamo e scopriamo tutti i giorni studiando.

In ESODO 20 (Antico Testamento di qualsiasi Bibbia abbiate), come vi abbiamo scritto altre volte nel Blog, c'è la stesura completa dei 10 Comandamenti... In particolare, il 2° recita:

"Non farti scultura, né immagine alcuna delle cose che sono lassù nel cielo o quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra. Non ti prostrare davanti a loro e non li servire, perché io, il Signore, il tuo Dio, sono un Dio geloso..."
 
Ci soffermiamo su due vocaboli, a parte il fatto evidente che se li chiedete ad un Parroco, in una chiesa qualsiasi cattolica, noterete subito che è stato RIMOSSO dall'elenco con conseguente sdoppiamento dell'ultimo diventato: 9 "Non desiderare donna d'altri" 10 "Non desiderare le cose d'altri."
 
I Termini:
 
- Prostrarsi
- Servire
 
 
I Teologi cattolici si arrampicano spesso sugli specchi di fronte alla richiesta di un loro "fratello" alla ricerca. Quando gli viene chiesto (Ho assistito personalmente): Padre, mi perdoni, ma perchè noi abbiamo levato il secondo comandamento? Ma soprattutto, perchè adoriamo le statue?
 
Prostrarsi infatti significa: Gettarsi a terra distesi o in ginocchio in segno di venerazione, deferenza o sottomissione.
 
Loro infatti rispondono spesso: "Ma nooo... noi non le ADORIAMO, le VENERIAMO".
 
Purtroppo molti non hanno studiato latino, ma non occorre aver frequentato il Classico, per fare una breve ricerca di Internet ;)
 
Si scopre infatti che AD-ORARE significa Pregare verso qualcuno, nei confronti di, parlare con.
 
VENERARI in latino significa: ADORARE GLI DEI. Dalla Dea Venere stessa fra l'altro.
 
Dunque... in un modo o nell'altro: INGINOCCHIARSI, PREGARE, FARE VOTI, REGALARE ORI E PREZIOSITA', ACCENDERE CERI ecc... Equivale ad osservare riti di ADORAZIONE o VENERAZIONE nei confronti delle statue, santi, entità che si vanno ad interpellare.
 
Perchè vi diciamo questo? Perchè Cristo, stesso che compare sullo stesso libro che cita il Secondo Comandamento (Patto Eterno fra Dio e Uomo) dice: "E' più facile che passino il Cielo e la Terra piuttosto che un Apice (Punto) o uno Iota (Virgola) della Legge di Dio".
 
Dunque, l'aver rimosso il comandamento perchè ai tempi di Costantino (apparentemente convertito) c'erano pagani non convertiti che portavano soldi nelle casse dello stesso andando a fare offerte in Chiesa, è vero Peccato... Cioè allontanarsi VOLONTARIAMENTE dalla Verità che Rende Liberi (Parole anche queste di Cristo).
 
Stessa cosa vale per l'inginochiarsi e l'avere statue davanti le quali farlo. E' un vero peccato perdere l'Opportunità di poter adorare il vero Dio: Un Dio di Amore Universale, Il Cosmo Intero, Colui che alberga, senza bisogno di mattoni, già nel nostro Cuore. Sta scritto infatti:
 
"Il vostro Cuore è il Tempio di Dio".
 
Mi rendo conto che è un argomento molto vasto e che scuote le fondamenta delle credenze di alcuni, ne fa scorgere di nuove ad altri e fa arrabbiare, soffrire, piangere altri ancora.
 
Personalmente ho deciso di seguire quel Dio d'Amore che vuole albergare nel mio Cuore come Suo Tempio. Basta mattoni, basta pietre, ceramiche, plastiche, metalli... Il nostro Cuore va più che bene...
 
Buon approfondimento.

17 commenti:

  1. Ma vuoi mettere le belle chiese che incombono sulle piazze ricche di statue e quadri e oggetti preziosi, tanto da DOVERLE chiudere in certi orari per paura dei furti?
    Ma la chiesa, che rappresenta la casa del Padre, non dovrebbe essere aperta SEMPRE ai suoi figli, particolarmente a chi non sa dove andare?
    Perchè si lasciano morire persone nei sottopassi e si chiudono le chiese?

    RispondiElimina
  2. Ma è stato levato perche abbatterebbe le fondamenta stesse della chiesa cattolica.. a partire dal crocifisso e varie altre immagini adorate o venerate compreso tutti i santi... i dieci comandamenti sono stati dati nell'antico testamento ma ( secondo la mia opinione ) sono decaduti anche se sempre validi come principi, con la nascita di Gesù che come profeta ha lasciato un modello di vita, un esempio da seguire. ( Una mia opinione personale ) Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le parole della bibbia non decadono mai infatti essi sono validi ora e in eterno. Lo dice la bibbia stessa.

      Elimina
  3. Grazie mille Luca... Opinione fra l'altro condivisibile e condivisa da molti ceppi evangelici e protestanti.

    RispondiElimina
  4. Io non soffro, non piango e ne mi dispero ma sorrido.
    È vero che nel decalogo c’era questo comandamento, dato da Dio a motivo del pericolo dell’idolatria. Ma, passato questo pericolo, Dio stesso ordina di fare immagini, come quando ha detto a Mosé: “Fatti un serpente e mettilo sopra un’asta; chiunque, dopo essere stato morso, lo guarderà resterà in vita” (Num 21,8).
    Nel Libro della Sapienza si dice chiaramente che la salvezza non veniva dal serpente, ma da colui che in esso era simboleggiato: “Infatti chi si volgeva a guardarlo era salvato non da quel che vedeva, ma solo da te, salvatore di tutti” (Sap 16,7). Ad esso si richiamerà Gesù (Gv 3,14-15).Inoltre Dio ordina a Mosé di mettere immagini di cherubini (sono angeli), sulla Dimora (la tenda che contiene l’arca) (Es 36,8) e perfino sul velo che copre la Dimora (Es 36,35).Anche Salomone fa mettere nella cella del tempio due cherubini di legno di ulivo (1 Re 6,23-28). Nella sua reggia vi sono immagini, come le statue di 12 buoi in metallo fuso (1 Re 7,23-26).
    Perché gli evangelici non spiegano queste cose?
    Ma poi non dice san Paolo che Cristo è “l’immagine del Dio invisibile” (Col 1,15).Dio stesso si è fatto vedere in Cristo. Più chiaro di così!
    Il Catechismo della Chiesa Cattolica scrive: “L’onore tributato alle sacre immagini è una venerazione rispettosa, non un’adorazione che conviene solo a Dio” (CCC 2132).Circa il culto ai santi,in sintesi vediamo che nella Bibbia è Dio stesso che tesse l’elogio dei santi (Sir 44). Se Dio li elogia, non possiamo farlo noi?
    Nell’Apocalisse si legge che “i quattro esseri viventi e i ventiquattro vegliardi si prostrarono davanti all'Agnello, avendo ciascuno un'arpa e coppe d'oro colme di profumi, che sono le preghiere dei santi” (Ap 7,8).
    Allora i santi in paradiso pregano e le loro preghiere sono presentate a Dio attraverso la mediazione dei “quattro esseri viventi e i ventiquattro vegliardi”, che non toglie nulla alla mediazione di Cristo.
    Senza dire che Elisabetta, colma di Spirito Santo, ha lodato la Madonna, dice: “Benedetta tu fra le donne”.
    Ebbene, se l’ha detto Elisabetta, non possiamo dirlo anche noi?
    Lo stesso san Paolo, così profondo sostenitore della mediazione unica di Gesù, insiste nel chiedere che le preghiere dei fratelli cristiani, ancora viventi sulla terra, lo soccorrano presso il Signore (Rm 15,30). Segno evidente che le preghiere dei santi in cielo e l'intercessione dei giusti sulla terra non attenuano affatto la gloria di Cristo mediatore?
    Vedi che allora che la Chiesa non ha né inventato né stravolto nulla.Un pò più di umiltà, di attenzione, di approfondimento e anche di uso della ragione farebbe capire agli evangelici che sono in grave errore.
    Mi è venuta in mente una bella espressione che si usava per ricordare il significato delle icone: sono la Bibbia dei poveri. Ma tu sai che, in passato, la gente non sapeva leggere e scrivere e pertanto non poteva far uso delle Sacre Scritture, in compenso quando entrava in Chiesa trovava pareti, soffitto e vetrate affrescate.
    La povera gente analfabeta leggeva la Bibbia guardandola.
    Così pure la povera gente richiamava gli eventi centrali del Vangelo e li portava nella propria vita attraverso i misteri di Cristo contemplati nel santo Rosario.
    Per discutere in maniera corretta è necessario partire da quanto ti ho detto. Diversamente si finisce per fare la battaglia dei versetti, di opporre un versetto ad un altro versetto, slegandoli dal contesto insostituibile che ne garantisce la corretta interpretazione.
    Sull’adorazione delle statue: non ci siamo proprio.
    Hai mai sentito che la Chiesa abbia chiesto di adorare le statue?Si adora solo Dio, perché solo Lui è il principio del nostro essere e il nostro fine.
    Ai santi si dà venerazione. Del resto non facciamo qualcosa di simile anche con i nostri familiari? Forse non abbiano per loro una vera venerazione, e cioè affetto e devozione?
    :)


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Signore ci ha insegnato a pregare, non ripetendo le stesse preghiere più volte a memoria come insegnano.

      Elimina
    2. Le statue e i quadri ecc. Si possono anche guardare ma non venerare o pregare!

      Elimina
  5. Purtroppo amico mio qui proprio non posso concordare con te. Nelle tue parole ci sono versetti estrapolati al di fuori dei contesti reali, si dimentica che il "Patto" i Comandamenti, sono ETERNI e non possono essere modificati. La Chiesa lo ha fatto. E' un dato di fatto. Mi rendo conto che anzichè sorridere bisognerebbe che un cattolico si facesse un profondo esame di coscienza e che non è per niente facile. Ma è così.

    Suggerirei anche letture come Deuteronomio 18. I morti (Santi compresi) nella bibbia non sono contemplati in Cielo (Suggerirei qui letture come ECCLESIASTE 9 e APOCALISSE 8). L'Immortalità dell'Anima è infatti un ennesimo Dogma "Infallibile" della Chiesa Cattolica. Fornire più figure ad un popolo entrante pagano era la scelta più ovvia in un periodo in cui la Chiesa verteva all'impoverimento. Lo so... Sono parole dure e possono anche non essere condivise ma giustamente è inutile fare "battaglie" di versetti. E' giusto che ognuno segua ciò che ritiene più giusto. E sono certo che qualsiasi Dio serio e vero sarà misericordioso con chi è stato in buona fede.

    La Venerazione, come detto sopra, è l'Adorazione agli Dei, non provare affetto e devozione.

    Dunque ogni parola umana, di fronte alla Verità che come un Lume sta sul Poggio e non sotto il Letto, è vana.

    Basta leggere con il Cuore.

    Se posso, mi permetto anche di condividere il fatto che, da oltre 5 anni, non appartengo a nessuna Religione precisa. Ma non posso non osservare quanto è scritto in un libro che viene utilizzato come "metro di misura" su Dio e la sua Parola.

    Basta veramente leggere con il cuore ed abbandonare le dottrine che ci hanno "inculcato" per anni e anni nella mente e nel cuore. Anche per amore, ma anche per tradizione. E noi... Magari... ci siamo fermati troppo presto nella ricerca della Verità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie francesco,sono daccordo con te..mi piacerebbe tanto averti come amico..lascio decidere te..grz anqora

      Elimina
    2. Anch'io non seguo nessuna religione , io credo in Dio Creatore e Gesù Cristo Salvatore in Spirito e Verità.

      Elimina
    3. Anch'io non seguo nessuna religione , io credo in Dio Creatore e Gesù Cristo Salvatore in Spirito e Verità.

      Elimina
  6. A dir la verità, se dobbiamo affrontare un tema dobbiamo prendere in considerazione tutto, soprattutto quello che è scritto nella BIBBIA altrimenti si parla per sentito dire.
    I versetti, non estrapolati a caso,sono una chiara dimostrazione di quello che la Chiesa pensa in merito (sin dai tempi di GEsù). Se ci soffermiamo solo all'apparenza o a un personalissimo pensiero, senza entrare nel "cuore della storia" è normale che si rimane smarriti ma si va anche fuori pista (oltre al fatto che si fa una cattiva informazione).
    C’è un “ma”. Iddio ci salvi dai toni clericali. Qui è dove si inceppa questo meccanismo della Provvidenza, perché è la parte che ci riguarda, che dipende da noi. Se il messaggio è la Sapienza del Padre, rivelata al Sinai e destinata ad ogni persona di ogni epoca, e il destinatario è questa pecora dolorante del terzo millennio, chi è l’emittente? Un moralizzatore? Un emettitore di rimandi ai “doveri”? Un espettoratore di richiami ai “valori”? Un apodittico diffusore di imperativi categorici kantiani? Un paladino dell’etica? Per amor di Dio, no!
    Questi anni hanno visto il moltiplicarsi, anche in ambito ecclesiale, degli studi sui dieci comandamenti, e di conseguenza il crescere dell’interesse attorno alle ipotesi pastorali che trattino il decalogo. Ma il rischio è che ci si metta a suonare con un nuovo strumento la solita vecchia musica. La gente prima di ascoltare il contenuto di quello che si dice, ascolta la musica delle parole. E se la musica è noiosa, o, peggio, esigente, moralista, non ascolta e cambia tutto. Molto spesso quando si è nell’occasione di ascoltare tanti predicatori odierni, si stacca l’audio e si pensa ai fatti propri o peggio ancora si fanno supposizioni e si da ad una nuova attività ossia la critica.

    RispondiElimina
  7. Abbiamo davvero bisogno di voli pindarici, acrobazie dialettiche, per accusare a tutti i costi la Chiesa cattolica di qualcosa? Comunque sia, di fronte a questa accusa "hanno tolto un comandamento" le chiedo " da dove l'avremmo tolto"?
    Le possibilità sono: - Bibbia -? - dal catechismo della Chiesa Cattolica? - dalle letture domenicali in modo che i fedeli no ne vengono a conoscenza?
    Oppure potrebbe citarmi un'enciclica,una lettera pastorale o qualsiasi documento ufficiale della Chiesa (della CHIESA, non degli amici evangelici oppure protestanti. Qui stiamo accusando la CHIESA e non si parla di pensieri, supposizioni) che affermi che il comandamneto è stato tolto?
    Mi piacerebbe che un evangelico onesto rispondesse alla mia domanda.
    Visto che è interessato,le consiglio di leggere il IL DECALOGO SECONDO GLI STUDI EBRAICI. dal testo ebraico si potrà notare un particolare....gli Ebrei NON USANO LA SOLA SCRIPTURA. Non lo riporto quì perchè sarebbe troppo lungo ma sempre dallo stesso studio leggiamo il chiarimento del secondo comandamento. Noteremo, dunque, che gli Ebrei lo inseriscono in UNA SOLA VOCE contenente alcuni precetti negativi come l'aspetto dell'idolatria. "Non avrai altri dei al mio cospetto. Non ti farai alcuna scultura né immagine qualsiasi di tutto quanto esiste in cielo al di sopra o in terra al di sotto o nelle acque al di sotto della terra. Non ti prostrare loro e non adorarli perché Io, il Signore tuo Dio, sono un Dio geloso che ricorda il peccato dei padri sui figli fino alla terza e alla quarta generazione per coloro che Mi odiano. E che uso bontà fino alla millesima generazione per coloro che Mi amano e che osservano i Miei precetti". Il Secondo Comandamento si compone di quattro versi e contiene quattro separati precetti negativi, tutti che proibiscono vari aspetti dell'idolatria. Dunque, i Cattolici non hanno tolto nulla.
    Non mi sembra che occorrano molte parole o riferimenti per comprendere ciò che deve intendersi con il comandamento: "Non avrai altri dèi di fronte a me". (ecco il primo comandamento). Non ti farai idolo né immagine alcuna di ciò che vi è nel cielo né di ciò che è quaggiù sulla terra, né di ciò che è nelle acque sotto la terra. Non ti prostrerai davanti a loro e non li servirai. E' più che chiaro che questo divieto era stato posto quando l'idolatria era imperante in tutto il mondo e gli stessi ebrei ne subivano l'influsso che derivava dalla loro lunga permanenza in Egitto.
    Allora gli idoli erano rappresentati con forme animali terrene, aeree, acquatiche e celesti (gli astri), ecco perchè fu necessario elencarle. Così come è altrettanto chiaro che il comandamento verte sul disconoscere qualsiasi deità al di fuori dell'Unico Dio.
    (segue)

    RispondiElimina
  8. Gli evangelici si ostinano invece, mi sembra quasi volutamente, a confondere l'idolatria, ovvero un'attribuzione di divinità, con la venerazione, che è solo riconoscimento e rispetto verso individui che hanno lasciato un'impronta indelebile di santità, e che il prostrarsi è solo un segno di umiltà e rispetto. Confondono un'immagine sacra, che vuole essere solo rappresentativa dell'oggetto che raffigura, con un feticcio al quale si attribuiscono caratteri di divinità. Avrebbero ragione se si limitassero a disapprovare certi eccessi di esaltazione che a volte sembrano sfiorare la superstizione, ma dimenticano ... o fingono di non sapere ...che anche la Chiesa li disapprova, pur non condannandoli drasticamente, se entro certi limiti, perchè comunque legati alla fede.
    Non comprendendo la "comunione dei santi" sono convinti che non bisogna pregare per le anime che lasciano questa terra, e tanto meno chiedere l'intercessione di chi è in piena comunione con Dio.
    Motivo? Perchè non è scritto esplicitamente.
    Però dimenticano che, se fosse come loro credono, forse Gesù stesso ne avrebbe fatto presente l'inutilità, visto che non poteva non sapere come si sarebbe sviluppato il culto dei morti, che comunque era già presente fin d'allora.
    Per la stessa ragione negano il Purgatorio e così sono costretti a far quadrare le cose attribuendo corone diversificate e discriminatorie a seconda dei meriti, entrando così in contraddizione con l'affermazione che le opere non servono alla salvezza e dimenticando che Gesù stesso ebbe a dire che, pur credendo, la porta è stretta ... tanti i chiamati ma pochi gli eletti.
    Tant'è che non avrebbe neppure senso aver detto, a proposito del ricco, che è più facile che un cammello passi per la cruna di un'ago piuttosto che un ricco in paradiso, visto che quel ricco credeva e osservava tutti i comandamenti.
    Se posso, prima di "denunciare" qualcosa che è visto solo in superficialità è bene informarsi e studiare. Non è forse meglio mettere " secondo me... Secondo laMIA opinione". La saluto.
    T.
    Mi permetta di dirle che

    RispondiElimina
  9. Mi fermo sereno dal proseguire rispettando le sue idee e opinioni :)

    RispondiElimina
  10. PS.: Il documento ufficiale dove è scritto che i comandamenti cambiano è il catechismo. Dogma per Dogma sistematicamente cambiati. Qui non si discute in cosa credere. Solo i dati di fatto. Non stiamo facendo dibattiti teologici di cui il blog non si occupa. Solo di esporre dati di fatto. Anche il Quarto, quello del giorno di riposo che era il Sabato. È stato mutato in Domenica. Chiamando il giorno del l'adorazione del Sole (Ancora tale in tedesco e inglese) Dominus (Giorno del Signore). Bisogna che ognuno si prenda la briga di studiare bene, almeno quello in cui crede la propria Chiesa. Il Catechismo ufficiale è in vendita in tutte le Paoline o Librerie. Farete grandi scoperte. Fin dalla Pienezza della Verità in prima pagina.

    RispondiElimina
  11. La Chiesa non ha tolto un bel nulla dai 10 comandamenti.

    1. La Bibbia cattolica traduce fedelmente l'originale ebraico.

    2. La Bibbia, nel testo originale, non presenta punteggiatura e numerazione dei versetti. Pertanto la suddivisione dei comandamenti è convenzionale ed è diversa a seconda della tradizione di riferimento.
    La Chiesa Cattolica e la chiesa luterana considerano il comandamento di avere un unico Dio e la proibizione di adorare idoli tutt’uno, mentre altre tradizioni li suddividono in due comandamenti, come fanno la Chiesa Ortodossa ed alcune chiese protestanti. Lo stesso vale all'inverso riguardo i comandamenti di non desiderare la donna o la roba d’altri.

    3. la teoria complottista che attribuirebbe alla Chiesa cattolica di aver alterato i 10 comandamenti per poter utilizzare le immagini non ha alcun fondamento per 2 motivi.
    Il primo motivo è che anche la chiesa luterana , che non ammette l’uso delle immagini, usa la stessa suddivisione dei 10 comandamenti della Chiesa Cattolica.
    Il secondo motivo è che tra le chiese che considerano terzo comandamento la proibizione dell’idolatria delle immagini c’è anche la Chiesa Ortodossa che non ha alcun problema ad utilizzare le immagini perché la venerazione delle statue dei santi e l’uso delle immagini a scopo didattico non costituiscono idolatria.
    A questo proposito, è utile avere presente che le stesse sinagoghe nei primi secoli Dopo Cristo presentavano non di rado immagini. Molto interessante è il sito di Dura Europos del 3° secolo D.C. , in Siria, dove è stata rinvenuta sia una sinagoga totalmente affrescata di scene dell’antico testamento , sia una antica casa-chiesa , anch’essa affrescata.
    Inoltre , il Catechismo, che ha lo scopo di insegnare la dottrina cristiana preconizzata nel Vecchio Testamento e realizzata nel Nuovo, riporta i comandamenti rivisti alla luce dell’annuncio dl Nuovo Testamento, che , ad esempio, non impone più il sabato.

    Bisogna stare in guardia dai vani ragionamenti che rischiano di sedurre e sviare dalla retta via

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...